Oggi è il 26/05/2017 | 25565 articoli online
 


A TU PER TU CON... SABRINA GONZATTO

Nei giorni del Salone del Libro un consiglio per una lettura a tinte granata: Il Grande Torino Campioni per Sempre



Sabrina Gonzatto, come è maturata l’idea di scrivere Il Grande Torino Campioni per Sempre?

Per una volta non è stata mia l'idea. Circa un anno fa mi è stato chiesto di far parte di una squadra di scrittori/giornalisti maschi ed io l'unica donna. Granata e di Torino aggiungo. Tutti uniti - siamo in 16 - in nome del Grande Torino. A me è stato affidato il capitano: Valentino Mazzola. Immagini la mia emozione. Dopo aver scritto Ma cos'era mai questo Toro? e Orfeo Pianelli, il Presidente del Toro campione, occuparmi del grande Capitano, non è stata un'impresa facile. Ho lasciato parlare il cuore e il risultato non mi è spiaciuto. Chi ha letto il racconto, ha apprezzato. Sono troppo autocritica per fornire una valutazione obiettiva, tuttavia, il libro Grande Torino, campioni per sempre, vale più di una riflessione: gli autori provengono da ogni angolo d'Italia e appartengono a varie fasce d'età. E' stata una seconda emozione leggere le parole di persone che io non conoscevo, parlare con così grande rispetto degli Invincibili. Il mio racconto si intitola "Era di maggio" sull'onda dell'omonima canzone napoletana e narra di un affermato Sandrino Mazzola che giunge nella nostra città per giocare con il Toro. Di ritorno dallo stadio, si ferma, da solo, nel quartiere Crocetta in quella via Torricelli dove aveva vissuto con il padre. E poi lascio ai lettori il seguito.


Manager, scrittrice, moglie. Come riesce a conciliare i molteplici impegni?

Una bella domanda. Ho vissuto la quotidianità lasciandomi affascinare dalle opportunità che il momento mi offriva. Non tutte le scelte sono state azzeccate naturalmente. Ragione e cuore non sempre vanno a braccetto! Ho imparato ad accettare quasi tutti i miei difetti con il passare del tempo, un'impresa ardua. La vita è stata generosa con me nel bene e nel male e quando due anni fa mi è stato diagnosticato un tumore al seno - solo ora riesco a fare outing - ho dovuto necessariamente rivedere il mio modo di essere. Inevitabilmente ti guardi indietro e ti guardi dentro perché guardare avanti è difficile se non impossibile. E il mio coinvolgimento nel libro è stato anche terapeutico.  Mi è ritornata la voglia di scrivere. Ancora una volta il Toro mi è di insegnamento. "Non puoi scappare a lungo dalla tua storia perché arriva sempre un momento in cui essa ti riporta là da dove vieni". Questa è una frase che mi è molto cara e che appartiene al Filadelfia. Una mano la scrisse sul muro dello stadio prima che fosse demolito. Ed ora rinasce. Ecco, in questa frase mi ritrovo. Ed è anche il consiglio che dò alle donne e agli uomini che leggono in questo momento: è giusto dedicarsi allo studio, al lavoro, alla famiglia, agli altri ma è ancora più giusto lasciare uno spazio per noi. Per la nostra storia, per il nostro presente e per il nostro futuro. Chi è granata si identifica con le vicissitudini della squadra. Non è importante cadere, ciò che conta è come ci si rialza.


Come ci si sente in un ambiente prettamente maschile com'è il mondo del calcio?

Il mondo è ancora troppo al maschile. Una realtà mortificante. Accettare le differenze non significa preferirne una all'altra. Significa semplicemente avere rispetto delle persone. Non è un mondo facile per nessuno, lo sappiamo,ma per le donne ancora meno.La violenza con cui le donne vengono trattate, mi riferisco naturalmente al femminicidio - sembra, purtroppo, non avere fine. Ma noi tutti, invece, dobbiamo contribuire a mettere fine a questa piaga vergognosa. A mio avviso molto si può fare in famiglia: due genitori che si rispettano, trasmettono ai figli dei valori che essi a loro volta trasmetteranno ai propri. La società siamo noi, ricordiamoci sempre questo. Donne e uomini si devono confrontare e anche scontrare ma mai - MAI - arrivare ad uccidersi gratuitamente. E attenzione, la violenza si esercita fisicamente e anche psicologicamente. In famiglia, a scuola, ovunque. Anche sul lavoro. E poi valorizziamo le persone - donne e uomini - che meritano di essere valorizzate. Da subito, non indugiamo oltre.


Giovedì apre i battenti il Salone internazionale del Libro di Torino. Tempo di presentazioni...

Quest'anno ho la fortuna di presentare presso lo stand eCampus - l'Università per cui curo il marketing e le relazioni esterne - una rosa di scrittori di eccezione. Prima di essere una scrittrice, sono una lettrice accanita sin da quando ero bambina e quindi poter disporre di tanti libri di cui parlare e interagire con il pubblico, è per me straordinario. Mi permetto di citarli: Fabrizio Modina, Mauro Saglietti (non poteva mancare uno scrittore granata) Cinzia Mammoliti, Mario Abbati, Savino Zaba, Armando Palmegiani ed altri ancora. Vi aspetto al Pad. 2 stand H25. Ogni giorno uno scrittore da scoprire e amare (il programma completo con date e orari su www.uniecampus.it). 
Il libro Grande Torino, campioni per sempre sarà presente al Salone e sono previste presentazioni in tutta Italia ospiti dei Club granata. 

Désirée Fadda



SCRIVI IL TUO COMMENTO

 
 
Per la tua Pubblicità

TuttoToro, Testata Giornalistica online dal 27 Aprile 2006, è diventata un punto di riferimento per tutti i Tifosi del Toro.

Leggi tutto »
Collabora con noi

Se vuoi scrivere e vedere pubblicati i tuoi articoli su Tuttotoro o se hai una collaborazione da proporci scrivi a info@tuttotoro.com

Come contattarci

Adv Sport
Tel: +39 011.546.200 R.A.
Fax +39 011.541.888
Email: info@tuttotoro.com
Sede Legale
Corso Vinzaglio 11 - 10121 - TORINO